Shopping su Qvc:il mio nuovissimo frullatore Nutri Ninja

COPERTINA

Frullatore Nutri Ninja: in diretta da Qvc direttamente a casa nostra. Eccomi qui, amante dello shopping alternativo ( naturalmente non disdegno i negozi) con questo caldo mi piace anche acquistare comodamente da casa, non solo dal mio pc ma anche … Continua a leggere

Pokemaoke: le scarpette fanno sognare

scarpe4

Pokemaoke:ogni scarpa è inimitabile grazie all’alta artigianalità del fatto a mano che rende ogni pezzo unico…diciamo un prodotto artigianale speciale. Se vuoi fare un passo avanti devi perdere l’equilibrio per un attimo … La linea Pokemaoke l’ho conosciuta per ” … Continua a leggere

#Ilovenalubags. Borse made in Italy

Processed with VSCOcam with a6 preset

#Ilovenalubags piccoli capolavori dell’artigianalità del made in Italy…unico e speciale Gli antichi valori dell’artigianalità quali passione, amore per il dettaglio e cura nella scelta dei materiali sono le caratteristiche dominanti dietro il marchio Nalù. La giovane designer, Gaia, facendo tesoro … Continua a leggere

Stonewall. L’importante è agire secondo la propria volontà e la propria ragione.

Oggi si parla di novità cinematografiche. Vi racconto, in anteprima, del nuovo film di Roland Emmerich: Stonewall. L’importante è agire secondo la propria volontà e la propria ragione

foto locandina

Roland Emmerich, regista tedesco che ha realizzato alcuni tra i disaster movie più conosciuti negli ultimi tempi( il mio preferito è Independence Day con il favoloso Will Smith).
Torna dopo qualche anno sul grande schermo con una pellicola totalmente differente. Si passa dal mondo degli effetti speciali catastrofici a qualcosa di più vero e reale: sentimenti, emozioni, sensazioni, difficoltà di chi ha deciso di non nascondersi più.
Vi sto parlando di Stonewall, l’ultimo lavoro del regista in uscita nelle sale cinematografiche italiane il 5 maggio 2016.
Il film ruota attorno alle vicende dei due protagonisti interpretati da Jeremy Irvine e Jonathan Rhys-Meyers sullo sfondo di una ribelle New York alle soglie degli anni ’70.
Partendo dai problemi che tutti gli adolescenti prima o poi affrontano
incomprensioni con i genitori,bisogno di affermazione, necessità di trovare una collocazione nel mondo; si arriva ad affrontare un tema ben più importante: essere omosessuale. Emmerich ha raccontato una storia che potremmo dire ispirata agli avvenimenti storici accaduti a New York nei pressi dello Stonewall Inn, la sua può essere considerata una interpretazione personale, un coraggioso tentativo di voler maneggiare un argomento quanto mai delicato in questi giorni – come quello del mondo LGBT – provando a lasciare agli spettatori la possibilità di immedesimarsi nella rabbia e nella volontà dei protagonisti nel lottare per la conquista dei propri diritti.

 

“La libertà è uno dei doni più preziosi dal cielo concesso agli uomini: i tesori tutti che si trovano in terra o che stanno ricoperti dal mare non le si possono agguagliare: e per la libertà, come per l’onore, si può avventurare la vita, quando per lo contrario la schiavitù è il peggior male che possa arrivare agli uomini.”

Love A.